fbpx

Aprire la partita iva come sarta

Aprire la partita iva come sarta

aprire la partita iva come sarta

Aprire la partita iva come sarta: definizioni

La sartoria, come molti mestieri artigianali, non muore mai. Ancora oggi, in qualsiasi paese possiamo trovare un sarto o una sarta che possa farci l’orlo ai pantaloni, o che ci aggiusti una giacca.

La sarta è un lavoro molto versatile in quanto non richiede grossi investimenti. Infatti possono servire le seguenti attrezzature:

  • Macchina da cucire da banco
  • Macchina da cucire portatile
  • Uno o due manichini per calzare i vestiti
  • Un camerino per far provare gli abiti con uno specchio
  • Un banco da lavoro
  • Un piccolo magazzino per le stoffe (materie prime)

Richiedendo così poco a livello di beni strumentali si può optare anche per lavorare da casa.

Se si vuole aver maggiore visibilità chiaramente meglio avere un punto vendita.

Oggi è possibile trovare anche servizi di sartoria on-line. Sono molto efficienti e vantano di una vetrina molto imponente: il popolo social.

Aprire la partita iva come sarta: cosa fare?

Puoi aprire la partita iva come sarta gratuitamente all’agenzia delle entrate territorialmente competente. Il modello da utilizzare è il mod. AA9/12.

Il codice tributo che calza perfettamente con quest’attività è: 14.13.20 (
Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno )

AA9_12mod

Una volta aperta la partita iva bisogna fare i seguenti adempimenti:

  • Iscrizione alla Camera di Commercio
  • PEC (posta elettronica certificata)
  • Iscrizione all’INPS gestione artigiani
  • Iscrizione all’INAIL

L’INAIL è obbligatorio perchè c’è un minimo di rischio, vista la tipologia di attività artigiana.

Se si decidesse di vendere i propri capi nel proprio negozio o su internet bisogna fare la SCIA ovvero la segnalazione certificata di inizio attività.

Andrà poi annotato il codice ATECO aggiuntivo sia in Agenzia delle Entrate che in Camera di commercio: 47.71.10 (vendita confezioni)

Aprire partita iva come sarta: regime forfettario o semplificato?

La gestione fiscale di una singola sarta può avvenire in due modi:

  • Contabilità semplificata
  • Regime Forfettario (consigliato)

Regime Forfettario
€ 299 all'anno
Non obbligatorieta della tenuta delle scritture contabili, in quanto i costi non sono deducibili;
Non si ha l’IVA in fattura;
Tasse al 5% (per le start-up) e al 15% sulle restanti;
Nessuna ritenuta d’acconto in fattura;
NO fattura elettronica B2B.
Possibilità di avere dei dipendenti
Nessun limite di spesa per i beni strumentali
Il regime forfettario ha un limite di fatturato annuo di € 65.000
Regime semplificato
€ 600 all'anno
Tenuta delle scritture contabili obbligatoria;
IVA in fattura;
Tasse a partire dal 23%;
Ritenuta d'acconto in fattura;
Fattura elettronica B2B obbligatoria;
 
 
 

La contabilità semplificata presuppone maggiori adempimenti e maggiori tasse, infatti si parte dal 23% a salire.

Il Regime Forfettario è ideale per le piccole neo imprese. Se si ha idea di fatturare meno di 65.000 all’anno, si può rientrare.

Il Regime Forfettario garantisce per le start-up un imposta sostitutiva del 5% per tre anni; dopodiché diventa del 15%. Inoltre assicura uno sconto del 35% sui contributi INPS.

Aderire al regime forfettario è completamente gratuito e non richiede nessun adempimento particolare.

Le tasse vengono calcolate su un coefficiente di redditività fisso, che le attività di sartoria è il 67%.

Inoltre i contributi fissi a carico vengono ridotti da 3.700 € all’anno a 2.800 €. I contributi inoltre sono l’unica “spesa” che concorre a formare la base imponibile al fine del calcolo dell’imposta sostitutiva. Infatti vengono dedotti come ultima voce alla fine dei calcoli.

Tasse sarta: come calcolarle?

Poniamo il caso di una sarta che apre la p.iva nel 2019 e fattura 15.000 € nell’anno, pagando contributi per 2.800 €. In base alla normativa sul regime forfettario la sarta dovrà pagare il 5% di tasse (essendo una start-up 2019) sul 67% del fatturato, decurtato dei 2.800 € di contributi pagati in corso d’anno.

15.000 x 67%= 10.050 €

10.050-2.800 = 7.250 €

7.250 x 5% = 362,50 €

Se al calcolo dell’imponibile, avesse superato la soglia dei 15.710 € avrebbe dovuto pagare l’INPS eccedente il minimale ovvero il 24% (21% se under 21 anni) sulla differenza.

Per esempio su un fatturato di 32.000 €

32.000×67%=21.440 €

21.440-15.710= 5.730 €

5.730 x 24% = 1.375,20 €

Per quanto riguarda l’INAIL una sarta in media paga sui 200 e all’anno, il rischio infortuni è molto lieve.

[contact-form-7 id=”121″ title=”Modulo di contatto 1″]

Vuoi sapere di più sul regime forfettario?

Scarica il nostro e-book gratuito “Il Regime Forfettario – i primi passi”. Potrai imparare tutto ciò che ti serve per entrare nel mondo della partita iva.

Summary
Aprire la partita iva come sarta
Article Name
Aprire la partita iva come sarta
Description
Puoi aprire la partita iva come sarta gratuitamente all'agenzia delle entrate territorialmente competente. Il modello da utilizzare è il mod. AA9/12, con codice ATECO 14.13.20. Una volta aperta la partita iva è obbligatorio iscriversi in CCIAA, all'INPS e all'INAIL. La sarta può aderire al regime forfettario e pagare il 5% di tasse per cinque anni, con una riduzione del 35% sui contributi.
Author
Publisher Name
Studio Tributario Gallarato
Publisher Logo
Gianmaria@

Tributarista accreditato Blogger Studio di diritto fiscale e tributario

4 commenti

Micael Scritto il3:11 PM - 7 Settembre 2019

Quanto costa aprire la partita iva e la Camera di commercio?

    Gianmaria@ Scritto il4:38 PM - 7 Settembre 2019

    Gentile lettore,

    aprire la partita iva come sarto è gratis, mentre per la camera di commercio e altri adempimenti abbiamo delle tariffe agevolate per le start up, le può consultare nella sezione prezzi del sito.

nicoletta camazzola Scritto il10:07 AM - 30 Marzo 2020

buongiorno avrei delle domande da fare potrei essere contattata tel. al 3332325470

    Gianmaria@ Scritto il11:12 AM - 30 Marzo 2020

    Certo, sarà ricontattata da un Nostro esperto in mattinata.

Lascia un commento

SCRIVICI
close slider
Chatta
Ciao, come posso esserti utile?
Ciao! Benvenuto sul nostro sito. Come posso esserti utile? Qui potrai messaggiare con un nostro consulente direttamente su wazup che risponderà direttamente dallo Studio riguardo all'argomento di tuo interesse.